Pubblicato in Mercati Consumi
Le tendenze dei consumatori guidano i flussi di caffè

Il commercio internazionale di caffè verde ha fatto registrare una forte crescita nel 2018 con un aumento delle esportazioni del 5% di caffè arabica e dell’8% di caffè robusta, proveniente, a livello teorico, esclusivamente dal Brasile e dal Vietnam, i due maggiori produttori. Rispetto a quattro anni fa, è stata registrata una crescita significativa anche nelle esportazioni dall’Honduras, ma gli attuali prezzi bassi sembrano sfavorire un ulteriore aumento dell’America Centrale e altri Paesi a eccezione di Brasile e Vietnam, produttori a basso costo.

Inoltre, il commercio di caffè lavorato è risultato sostanzialmente senza variazioni nel 2018. L’Italia sta diventando il più grande esportatore di caffè tostato, superando la Germania; si registra, inoltre, una crescita significativa nelle esportazioni del caffè solubile da parte di Indonesia e Vietnam, mentre il Brasile rimane senza dubbio il maggiore esportatore di questo prodotto.

Rabobank ha individuato cinque tendenze del consumo di caffè, in termini qualitativi e quantitativi, sia globali che locali, in grado di influenzare il mercato, riportate di seguito.

La maggiore crescita del consumo fuori casa rispetto a quella del consumo a casa guida le variazioni nello stile di vita e l’innovazione nelle opzioni. I negozi specializzati in caffè sono una piccola quota del totale dei locali che servono questa bevanda, ma stanno Cambiando l’immagine del caffè e le aspettative dei consumatori.

Il consumo di caffè pronto da bere è molto diffuso in Asia: infatti il Giappone rappresenta la metà dei volumi globali, ma la sua popolarità sta crescendo anche in Europa e nell’America del Nord fornendo un’area di crescita ad ampio margine. La recente collaborazione tra Lavazza e PepsiCo, oltre all’introduzione del caffè RTD di Costa, dimostra che la linea tra soft drink e caffè è sempre più sfumata.

Nei mercati dei Paesi sviluppati continuano a crescere le capsule e le cialde, che rappresentano il 65% e il 26% dei volumi totali rispettivamente nell’Europa occidentale e nel Nord America, ed è previsto che la richiesta continui a crescere nei prossimi anni.

Il Brasile è il secondo produttore al mondo e le vendite dei prodotti premium, quali il caffè fresco e le capsule, stanno superando quelle dei prodotti standard, quali il caffè solubile e il macinato, con una previsione di crescita a doppia cifra fino al 2021.

Infine, il consumo di caffè in Cina è ancora relativamente basso, ma tutte le catene locali e internazionali stanno cercando di guadagnare presenze e visibilità nelle principali città. I consumatori cinesi si aspettano alti livelli di servizio e un numero crescente di giovani cinesi stanno introducendo l’abitudine di bere una tazza di caffè al giorno: con una media di sole 13 tazze pro capite (244 tazze in Corea del Sud), c’è un significativo margine di crescita.

 

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Image
Copyright © 1998-2020 Chiriotti Editori srl Tutti i diritti riservati
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy - P.IVA e C.F. 01070350010 - Tel. +39 0121.393127 - Fax +39 0121.794480 - email info@foodexecutive.it | Disclaimer