BENEO1803.jpg
Prinova_1807.gif
xylem-flygt18.gif
Eatruscan_1808.jpg
UnivarFood2017Q4.gif
ChemSafe_1803.jpg
Ulma_1808.gif
GAI1806.gif
romani-18_10.jpg
RESPharma_1809.jpg
Minebea201805.gif
wolhfarth_1806.gif
Interroll_18052.gif
BarraProject2018.jpg
Faravelli_1803.gif
eurovo-nonna-anita.gif
Pubblicato in Salute e Benessere
La carenza di sodio favorisce la demenza senile

Uno studio condotto da Kristen Nowak dell’Università del Colorado (Usa) ha constatato che avere scarsi livelli di sodio nel sangue (Iponatremia) facilita la degenerazione cognitiva dovuta all’avanzare degli anni. SI parla di iponatremia quando i livelli di sodio nel sangue scendono sotto i 135mmol/L. Novak ha analizzato le informazioni riguardanti 5435 uomini over 65, che erano stati osservati per una media di 4,6 anni. I risultati dell’osservazione, apparsi sul Clinical Journal of the American Society of Nephrology, dicono che gli uomini con livelli di sodio compresi nell’intervallo 126/140mmol/L, avevano il 37% di possibilità in più di andare incontro a una degenerazione cognitiva sostanziale nel tempo, rispetto a chi aveva livelli di sodio sopra i 140mmol/L. “Si tratta di una questione delicata – afferma la dott.ssa Nowak – perchè è normale che con l’età si vada incontro alla demenza senile, ma bisogna comprendere cosa fare per prevenire questo fenomeno o rallentarlo”.

Lascia un commento

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.


Copyright © 1998 - © 2018 Chiriotti Editori S.r.l. Tutti i diritti riservati
Viale Rimembranza, 60 - 10064 Pinerolo - To - Italy | Tel. +39 0121.393127 - Fax +39 0121.794480
Partita Iva e Codice Fiscale 01070350010 | info@foodexecutive.it
Disclaimer | Website by Marco Riccardi
Utilizziamo i cookie per offrirvi la miglior esperienza sul nostro sito.
Continuando a navigare sul sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok