PARTNERS

Risultati dallo studio Q-SYMBIO

Sull’European Journal of Heart Failure (2013, 15) sono stati pubblicati i risultati di uno studio condotto in collaborazione in diversi stati, quali Danimarca, India, Austria, Polonia, Repubblica Slovacca, Svezia, Italia e Australia.

La disfunzione della mancanza di bioenergie e di energia del miocardio potrebbe essere una caratteristica dominante dell’arresto cardiaco (HF) e il metabolismo del miocardio è stato oggetto di attenzione. È stato trovato che il livello nel tessuto del miocardio del coenzima Q10 (CoQ10), componente redox essenziale della catena respiratoria, è inversamente correlato alla gravità dell’arresto. Pertanto sono stati studiati gli effetti del CoQ10 sui sintomi dei pazienti, sulla capacità funzionale e sulle conseguenze a lungo termine con stato patologico e mortalità.

I pazienti che hanno subito un arresto cardiaco ci classe III o IV che stavano effettuando una terapia farmacologica alla New York Heart Association (NYHA) sono stati assegnati in modo randomizzato o nel gruppo trattato con 100 mg di CoQ10 tre volte al giorno o quello con placebo. L’obiettivo primario a lungo termine era il tempo al primo “MACE” (principale evento cardiovascolare negativo) compresa l’ospedalizzazione non programmata dovuta a un peggioramento dell’HF, la morte cardiovascolare, il trapianto urgente del cuore e il supporto meccanico.

Sono stati coinvolti per un periodo di due anni 420 pazienti (202 trattati con il CoQ10 e 218 con il placebo). Dopo due anni c’era stato un significativo miglioramento del gruppo del CoQ10: i pazienti trattati con il CoQ10 avevano fatto registrare una mortalità cardiovascolare significativamente più bassa e un minor ricorso all’ospedalizzazione per HF. Erano comunque diminuiti tutte le cause di mortalità nel gruppo del CoQ10 (18 pazienti contro 36) e il numero degli eventi negativi.

Q-SYMBIO è il primo studio a doppio cieco sull’HF cronico che prende in considerazione che l’integrazione con il CoQ10 potrebbe migliorare la sopravvivenza. I pazienti trattati con il CoQ10 hanno ridotto le percentuali di ospedalizzazione per aggravamento del problema e diminuito la mortalità cardiovascolare: due fattori che entrambi potrebbero riflettere un miglioramento significativo della funzione cardiaca. Il trattamento con il CoQ10 è sicuro e dovrebbe essere considerato come parte della terapia di mantenimento dei pazienti affetti da HF cronico.

LATEST NEWS

Con un nuovo Presidente e un’offerta ampliata di nuove soluzioni, Vinitech-Sifel rafforza il suo ruolo

  La data è già stata fissata: Vinitech-Sifel si terrà presso il Quartiere Fieristico di Bordeaux dal 26 al 28 novembre. Evento leader internazionale per...

È uscito il numero di giugno di “Industrie Alimentari”

  In questo numero pubblichiamo uno speciale tecnico-scientifico dedicato al lupino come ingrediente nella panificazione e agli effetti sulle proprietà fisico-chimiche delle miscele di farine...

Regolamento UE 2024/1451 su alcuni additivi alimentari

  Regolamento (UE) 2024/1451 della Commissione, del 24 maggio 2024, che modifica gli allegati II e III del regolamento (CE) n. 1333/2008 del Parlamento europeo e del...

ASCOLTATE IL PODCAST DI "ALIMENTI FUNZIONALI"

DOVE TROVARE LE NOSTRE RIVISTE

8-12/09/2024, RIMINI
24-26/09/2024 - NORIMBERGA, GERMANIA
9-12/10/2024 - MILANO
16-17/10/2024 - VERONA
5-7/11/2024 - DUBAI, EAU
6-7/11/2024 LA ROCHELLE, FRANCIA
12-15/11/2024 MILANO
18-20/11/2024 - SAHANGHAI, CINA
19-21/11/2024 - FRANCOFORTE, GERMANIA
24-26/11/2024 - NORIMBERGA, GERMANIA
26-28/11/2024 BORDEAUX, FRANCIA
18-22/01/2025 - RIMINI
2-5/02/2025 - COLONIA, GERMANIA
5-7/02/2025 - BERLIN, GERMANIA
16-18/02/2025 - RIMINI
23-25/02/2025 - BOLOGNA
16-18/03/2025 - DÜSSELDORF, GERMANIA
18-22/05/2025 - DÜSSELDORF, GERMANIA
27-30/05/2025 - MILANO

CATALOGO LIBRI

CATALOGO RIVISTE