PARTNERS

Distillati: export, la nuova frontiera

In occasione dell’assemblea annuale, AssoDistil ha fotografato l’andamento del comparto, in crescita grazie all’impegno delle aziende, sempre più orientate verso i mercati esteri.

 

Produzione in aumento ed export in crescita in Europa e nei Paesi extra-UE. Questo l’andamento delle bevande spiritose “Made in Italy” delineato da AssoDistil, l’associazione italiana degli industriali distillatori, in occasione dell’assemblea annuale.

“Anche il nostro comparto risente della crisi – ha affermato Antonio Emaldi, presidente dell’Associazione – ma, grazie all’impegno delle nostre aziende, che non hanno mai smesso di cercare nuove opportunità sia in Italia che all’estero, abbiamo saputo reggere questo difficile momento”. I dati danno ragione ai vertici AssoDistil. A trainare l’attività distillatoria nel 2012 e nell’avvio del 2013, è stata la Grappa, distillato nazionale per eccellenza, che ha visto lievitare i volumi di produzione del 18%. Buona la performance dell’acquavite da vino (+14%), mentre sono stabili i distillati di frutta.

 E mentre il mercato interno che mostra chiaramente i segni della crisi dei consumi (-5%), l’export si dimostra la “nuova frontiera” dei prodotti italiani, soprattutto per la grappa. Secondo i dati Istat, nel 2012 si è registrata una crescita nelle esportazioni del 15% rispetto allo scorso anno.

Il principale Paese importatore continua ad essere la Germania, che copre il 62% delle esportazioni del prodotto in bottiglia. Seguono  poi la Francia, l’Austria e gli Stati Uniti. Ottimi i risultati dell’export nell’Est europeo, con la crescita delle vendite in Estonia (+10%), Lettonia (+24%), Slovacchia (+13%) ed Albania (+64%). In Russia, dove addirittura si è registrato un boom del distillato più amato dagli italiani, si registra un incremento del 27%. Ma la grande sorpresa arriva dall’Oriente, grazie alle esportazioni in Thailandia (+60%), nelle Filippine (+40%), in Giappone (+20%) e a Taiwan (+76%).

 “Grazie all’export – ha commentato il presidente Emaldi – abbiamo visto aumentare la competitività delle nostre piccole imprese, perlopiù a conduzione familiare. La grappa riesce a ritagliarsi nuovi spazi anche in Paesi che, oltre ad essere consumatori, sono anch’essi produttori e questo è esemplificativo dell’elevato standard di qualità raggiunta”.

 Il leader dei distillatori ha poi richiamato l’attenzione sull’attuale discussione in atto nella UE sulla riforma dell’OCM vino. “Siamo per la liberalizzazione, a patto però che si creino condizioni di concorrenza leale fra Stati membri e che, su tali condizioni, la vigilanza sia comunitaria, non soltanto nazionale. Per queste ragioni, oltre che nell’interesse di tutti quelli che lavorano rispettando le regole,  proponiamo un sistema di controllo più rigido”.

 Nella futura OCM sarà inoltre riconfermato il sostegno alla distillazione dei sottoprodotti della vinificazione. “Il sistema dei conferimenti in distilleria è ritenuto da tutta la filiera vitivinicola uno strumento essenziale per il rispetto ambientale e per garantire la qualità dei vini” ha osservato il numero uno di AssoDistil”. Il ritiro dei sottoprodotti, impiegati nell’industria distillatoria, impedisce infatti che questi siano utilizzati per sofisticazioni nell’ambito vinicolo.

“Siamo contenti – ha concluso Emaldi – che le istituzioni ritengano si tratti di un meccanismo efficiente da un punto di vista logistico ed economico, che rende possibile un servizio fondamentale ai produttori in termini di tempestività nel ritiro di milioni di tonnellate di sottoprodotti, evitando che gli stessi vadano incontro a fermentazioni anomale durante lo stoccaggio in cantina a danno dei vini”.

LATEST NEWS

È uscito il nuovo numero di “Industrie delle Bevande”

  Vinitaly consolida il proprio posizionamento business e un ruolo centrale nella promozione internazionale del vino italiano. Apriamo questo numero con alcune novità e curiosità...

Le cinghie speciali Megadyne: il segreto dell’efficienza nell’imballaggio alimentare

  Le macchine per l'imballaggio verticale (VFFS) sono fondamentali nell'industria dell’impacchettamento alimentare. Tra le componenti che assicurano performance ottimali, si distinguono le cinghie sincrone "Pull...

Regolamenti UE 2024/1314 e 1318 sui livelli massimi di residui di alcuni antiparassitari negli alimenti

  Regolamento (UE) 2024/1314 della Commissione, del 15 maggio 2024, che modifica l’allegato III del regolamento (CE) n. 396/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto...

ASCOLTATE IL PODCAST DI "ALIMENTI FUNZIONALI"

DOVE TROVARE LE NOSTRE RIVISTE

28-29/05/2024 - MONACO, GERMANIA
28-30/05/2024 PARMA
6-7/06/2024 - PARMA
12-15/06/2024 - BANGKOK, TAILANDIA
18-21/06/2024 - SHANGHAI, CINA
8-12/09/2024, RIMINI
24-26/09/2024 - NORIMBERGA, GERMANIA
9-12/10/2024 - MILANO
16-17/10/2024 - VERONA
5-7/11/2024 - DUBAI, EAU
6-7/11/2024 LA ROCHELLE, FRANCIA
12-15/11/2024 MILANO
18-20/11/2024 - SAHANGHAI, CINA
19-21/11/2024 - FRANCOFORTE, GERMANIA
24-26/11/2024 - NORIMBERGA, GERMANIA
26-28/11/2024 BORDEAUX, FRANCIA
18-22/01/2025 - RIMINI
2-5/02/2025 - COLONIA, GERMANIA
5-7/02/2025 - BERLIN, GERMANIA
16-18/02/2025 - RIMINI
23-25/02/2025 - BOLOGNA
16-18/03/2025 - DÜSSELDORF, GERMANIA
18-22/05/2025 - DÜSSELDORF, GERMANIA
27-30/05/2025 - MILANO

CATALOGO LIBRI

CATALOGO RIVISTE